Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

Archeologia dell’Oltradige - Presentazione libro

“Archeologia dell’Oltradige”, 5° volume della Collana del Museo Archeologico dell’Alto Adige, tratta della storia dell’area abitativa dell’Oltradige dal punto di vista dell’archeologia. Gli inizi dell’insediamento negli attuali comuni di Appiano e Caldaro risalgono al mesolitico.
 

Dopo “Il Sacro Angolo”, “Archeologia dell’Oltradige” è il secondo volume della Collana del Museo Archeologico dell’Alto Adige a occuparsi di preistoria e protostoria di una zona dell’Alto Adige. Spesso in Alto Adige, come anche altrove, tra attività di scavo e successiva analisi scientifica e pubblicazione dei dati archeologici sussiste una distanza temporale. Per questo per l’archeologia sono importanti l’elaborazione e pubblicazione sistematica dei luoghi di ritrovamento. Accanto alla pubblicazione di uno o più siti di ritrovamento, si pone però anche sempre nuovamente la necessità di uno sguardo d’assieme. Nel caso del volume sull’Oltradige è stato scelto un territorio chiaro e ben definito, annoverato ancora oggi come uno dei più belli della provincia di Bolzano e tra quelli con le condizioni climatiche e di economia rurale più favorevoli a un insediamento persistente. Condizioni, queste, tanto più importanti in periodo preistorico. Non a caso l’Oltradige rientra tra le zone più ricche di fonti archeologiche di tutto l’Alto Adige, che da tempo si desiderava indagare e proporre in forma sistematica. Il risultato è un’esatta documentazione – la prima per la provincia di Bolzano – della millenaria continuità e della simultanea densità d’insediamento in un’area insediativa come quella rappresentata dalle terrazze moreniche dell’Oltradige.

 

Appiano offre innumerevoli siti archeologici e luoghi di ritrovamento. Questo rende il comune sulla strada del vino Alto Adige un grande museo a cielo aperto. Coloro che sono interessati possono esplorare i reperti archeologici su escursioni a piedi e in bicicletta e immergersi nella storia di Appiano.

 
 
Pubblicato il 23.02.2016
 
La tua opinione è importante per noi! Scrivere un commento
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Invia commento
 
Like it! Share it!
 
 
 
 
 
 

Novitá

Sempre informati con la newsletter
 
 
 
 Invia