Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

Precoce risveglio nella Valle della Primavera

Ad Appiano, la primavera ha inizio prima che in qualsiasi altro luogo dell’Alto Adige: le temperature salgono, il sole e gli abitanti fanno a gara con i sorrisi, il paesaggio si trasforma in un mare di fiori e, già a febbraio, la Valle della Primavera fa da sfondo a uno sfavillante e variopinto spettacolo della natura.
 
Un fenomeno che ammalia i visitatori di tutto l’Alto Adige ha luogo nel bosco di Monticolo, a metà strada tra gli omonimi laghetti e il Lago di Caldaro: primule gialle, bianchi campanellini, erba trinità color violetto, crochi e primule blu si allungano verso il cielo, dando vita a un tappeto maculato dai mille colori naturali che rallegra gli animi dopo le rigide giornate invernali. Nel mezzo si snoda verso sud il placido rigagnolo dell’Angelbach.
 
 
 
 
 
Tra fine febbraio e inizio marzo, la primavera invia i suoi primi messaggeri nel bosco di Monticolo. Ma perché proprio qui? La Valle della Primavera è adagiata in una conca paludosa, aperta a sud, così da essere protetta e, nel contempo, attraversata dai primi venti tiepidi meridionali. Il sentiero pianeggiante, lungo circa cinque chilometri, può essere percorso in un’ora e mezza circa.

Com’è possibile immaginare, la Valle della Primavera è stata dichiarata biotopo e, pertanto, vige il divieto di raccolta dei fiori, mentre è caldamente consigliato ammirarli!
 
 
Pubblicato il 25.01.2017
 
La tua opinione è importante per noi! Scrivere un commento
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Invia commento
 
Like it! Share it!
Il piacere di camminare
Brevi passeggiate, itinerari impegnativi, piacevoli escursioni in famiglia Qui potete trovare la descrizione della passeggiata nella Valle della Primavera ed altri itinerari
 
 
 
 
 

Articoli che ti potrebbero interessare

 
 
Natura

Nessuno conosce bene il bosco di Monticolo come Martin Ebner.
 
 
 
 
Cultura

Pedalando verso il Col dell’Uomo a Monticolo si va incontro a un pezzetto di storia. Solo una volta giunti nel luogo energetico sopra i laghi si comprende perché il cercatore d’oro Peter Wöth abbia scelto di trascorrere qui i suoi ultimi giorni.
 
 
 
 
 
 
 

Novitá

Sempre informati con la newsletter
 
 
 
 Invia