Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
 
15.06.2018 - 30.06.2021

TESORI RITROVATI – Alla scoperta archeologica di Appiano

Programma:
Introduzione: Assessora alla Cultura dott.ssa Sigrid Mahlknecht Ebner
Presentazione: Curatore dott. Hanns Oberrauch


L’esposizione, nella sala a volta dello storico edificio della Lanserhaus, propone una panoramica storica degli insediamenti di Appiano, dall’Età della Pietra fino al Medioevo. I reperti originali coprono un arco di tempo a partire dalle punte di freccia neolitiche fino ai dardi di balestra dell’epoca cavalleresca e sono prestiti provenienti dal Museo Civico di Bolzano, dal Museumsverein Bozen e dall’Ufficio provinciale Beni archeologici, che ha messo a disposizione interessanti reperti della collezione dei fratelli Max e Walther von Mörl. La mostra, curata dall’archeologo dott. Hanns Oberrauch, accompagna i visitatori in un appassionante viaggio nel tempo attraverso 10.000 anni della storia di Appiano, valorizzando i numerosi siti archeologici nei dintorni.

Per l’Età della Pietra (Mesolitico) sono rappresentati utensili in selce di cacciatori e raccoglitori che 10.000 anni fa hanno piantato le loro tende sulle rive dei laghi di Monticolo. Dal Neolitico provengono i rari corredi funerari dalle tombe a cista litica di Appiano-Ganda, fra cui anche un cristallo di rocca. Nell’Età del Bronzo trova espressione la nuova fondazione di numerosi insediamenti con una ricca presenza di ceramiche. La località Putzer Gschleier a San Paolo vive, invece, il suo periodo aureo solo nell’Età del Ferro: dal nuovo metallo furono prodotti attrezzi da lavoro come falci e asce. Dall’Età Romana provengono soprattutto oggetti rinvenuti nelle tombe, come la stele Ossupie di Maderneto o la coppa in vetro di Appiano-Monte. Si rimanda alla villa romana di San Paolo che sarà resa accessibile ai visitatori. Nell’Alto Medioevo acquistano importanza gli insediamenti difensivi sulla sommità dei rilievi, come il Lamprecht o il colle di San Vigigliol a Predonico, ma anche a San Michele (Rubenicum) il reperto di una fibula a cavallino testimonia un primo processo di popolamento durato per secoli fino ad oggi. Sulla pietra terminale di Lavason è riportata un’iscrizione più recente e una più antica, non ancora decifrata. In un’apposita vetrina sarà esposta una piroga in legno di quercia recuperata nel lago di Monticolo da subacquei e risalente al Medioevo (XIII secolo).

Apertura straordinaria e visite guidate con il curatore durante il Mercoledì lungo
Mercoledì 28.08.2019 dalle ore 19.00 alle ore 22.00
Basterà presentarsi alla mostra: le visite si svolgeranno senza interruzioni e avverranno nelle due lingue (italiano/tedesco). Il loro contenuto sarà adattato a seconda della tipologia di pubblico, giovane o adulto. Il curatore Sig. Hanns Oberrauch sarà a vostra disposizione per eventuali domande.
 
Info utili & località
Data: Mostra archeologica permanente

Orari di apertura:
Martedì dalle ore 10-12 e dalle ore 15-17
Mercoledì - Giovedì dalle ore 10-12
Apertura speciale per gruppi su prenotazione

Apertura straordinaria e visite guidate con il curatore durante il Mercoledì lungo
Mercoledì 28.08.2019 dalle ore 19.00 alle ore 22.00


Ingresso libero

Location:
Lanserhaus
Via J.G. Plazer 22-24
39057 San Michele | Appiano

Contatto:
Lanserhaus
Via J.G. Plazer 22-24
39057 S. Michele | Appiano
Tel. +39 0471 66 75 66
wirtschaft.kultur@eppan.eu
www.lanserhaus.eu
 
 
 

Novitá

Sempre informati con la newsletter
 
 
 
 Invia