Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 

Vinitaly 2015: continua il momento magico dei bianchi

Cala il 25 marzo 2015 il sipario sulla 49. edizione di Vinitaly, la prestigiosa rassegna enologica internazionale. Anche quest’anno tra i numerosi espositori non poteva mancare Cantina Colterenzio, che torna a casa soddisfatta per la grande richiesta di vini bianchi aromatici e consapevole che Expo 2015 possa rappresentare un’ottima opportunità per il settore vinicolo italiano.
 
Anche quest’anno il salone del vino veronese è stato affollato da migliaia di espositori e amanti del nettare di Bacco. I 77 produttori altoatesini presenti erano sistemati nel padiglione 6: ecco un primo bilancio di Cantina Colterenzio tracciato dal direttore Wolfgang Raifer. “Devo dire che gli stand delle cantine altoatesine hanno avuto un grande afflusso di pubblico, attirato soprattutto dalla tradizionale qualità dei nostri bianchi che ci permette di distinguerci dalle altre regioni vinicole, famose più che altro per i rossi. Ad apprezzare particolarmente i nostri vini aromatici è il consumatore italiano, come dimostra l’ininterrotta richiesta che sta caratterizzando anche l’anno in corso”.

Le giornate veronesi hanno altresì confermato il momento magico che sta attraversando sul mercato italiano una particolare varietà di vino bianco: “La domanda di Gewürztraminer – informa Raifer – è più viva che mai. Ho notato comunque che in Italia vanno forte pure il Sauvignon e il Moscato giallo”. Per quanto riguarda invece i rossi, il direttore di Colterenzio ha potuto osservare a Vinitaly una tendenza già intravista alla ProWein di Düsseldorf: “La nostra varietà autoctona Lagrein riscuote sempre più apprezzamenti, mentre il Pinot nero continua ad essere uno dei nostri rossi più gettonati sia in Italia che all’estero”.

Vinitaly è un appuntamento pressoché obbligato per le cantine italiane più prestigiose, impegnate nella strenua conquista di fette di mercato nazionale. Commenta Raifer: “Per i produttori il mercato interno rappresenta una sorta di biglietto da visita, in quanto l’Italia è una nazione che attira ogni anno milioni di turisti amanti di vino. Nel 2014 abbiamo aumentato in maniera cospicua il nostro fatturato italiano e anche il 2015 è partito con buone prospettive. A mio avviso questo fenomeno è dovuto anche agli investimenti fatti nel settore della comunicazione, e credo che il nostro successo sia legato al giusto mix tra vini di alta qualità, packaging ben fatto e comunicazione continua”.

Un altro appuntamento atteso con interesse dal settore vinicolo è l’Expo 2015. Per Raifer l’esposizione universale milanese rappresenta “una grande opportunità per l’economia altoatesina. Milioni di persone arriveranno in Italia per conoscere il Paese, la gente ma anche i prodotti nazionali. Sarà quindi fondamentale riuscire a esporre i propri prodotti in questa prestigiosa vetrina. Per noi di Cantina Colterenzio l’Expo rappresenta un’occasione straordinaria per far conoscere i nostri vini ad un vastissimo pubblico internazionale”.
 
 
 
 
Pubblicato il 25.03.2015
 
La tua opinione è importante per noi! Scrivere un commento
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Invia commento
 
Like it! Share it!
 
 
 
 

Articoli che ti potrebbero interessare

 
 
 
 
 

Novitá

Sempre informati con la newsletter
 
 
 
 Invia